Maratona di Reggio Emilia

Gli iscritti al Campionato Italiano di Maratona: domenica 13 dicembre si prospetta una bella sfida al femminile

A 44 anni dall’ultima volta, Reggio Emilia riabbraccia i campionati italiani assoluti di maratona. Vista la situazione emergenziale, sarà una gara “blindata”, con zona partenza/arrivo rigorosamente chiusa al pubblico e rigidi protocolli federali anti-Covid per gli atleti al via. Insomma, per la festa vera e propria bisognerà attendere il 2021, quando andrà in scena la 25esima edizione della Maratona di Reggio Emilia-Città del Tricolore (si spera aperta a tutti), che sarà di nuovo valida per il titolo italiano.

CLICCA QUI PER LA DIRETTA DELLA GARA

Resta comunque da raccontare e celebrare la sfida tricolore 2020, che scatta domenica 13 dicembre, alle 9.30, dall’Ente Fiera. Percorso nuovo di zecca, disegnato per l’occasione su un anello (da ripetere quattro volte) ricavato all’interno della zona industriale di Mancasale. Gara d’elite, parco partenti (140 atleti) volutamente scremato da minimi di ammissione “severi”. Sarà una delle ultime occasioni per mettere a segno una prestazione con vista sulle Olimpiadi 2021: ecco perché, oltre agli italiani in lizza per il tricolore, ci saranno diversi stranieri interessati al riscontro cronometrico.

Per gli atleti non d’elite è invece andata in scena proprio in questi giorni una “maratona” a distanza” (oltre 450 iscritti), corsa individualmente, anche a tappe, con ricavato a scopo benefico. Ma il focus è ovviamente sulla gara tricolore di domenica.

La presentazione ufficiale si è tenuta giovedì mattina, in streaming, con gli interventi a distanza di Luca Vecchi, sindaco di Reggio Emilia, Raffaella Curioni, assessore allo sport del Comune di Reggio Emilia, Giammaria Manghi, capo di gabinetto della presidenza della Regione Emilia Romagna, Marco Benati, presidente Fidal Emilia Romagna, Paolo Manelli, presidente della Tricolore Sport Marathon, e Roberto Brighenti, speaker enciclopedico della manifestazione.

“Un onore per la nostra città ospitare i campionati italiani di maratona”, le parole del sindaco Vecchi, che ha utilizzato una metafora podistica per fotografare il difficile momento generale, a livello sportivo e non: “Siamo al 35esimo chilometro della maratona, ora si tratta di trovare le forze per resistere alla fatica e la voglia per arrivare in fondo”.

“Un segnale importante, non solo sportivo”, l’intervento della Curioni, che ha elogiato anche l’iniziativa della maratona a distanza.

“E’ un’occasione importante, di pregio – ha aggiunto Manghi – Una risposta alle difficoltà”.

“Sarà ovviamente una gara diversa dal solito – ha spiegato Benati – i problemi non sono mancati, fondamentale è stato il dialogo tra le parti in causa”.

Dalle istituzioni ringraziamenti e complimenti unanimi a organizzatori, volontari ed Enti impegnati nella non semplice impresa di allestire una manifestazione di vertice in epoca Covid, ringraziamenti estesi da Manelli agli sponsor: “Mai come quest’anno se tutto andrà bene, come ci auguriamo, sarà merito di tutte le parti in causa. Ringrazio per gli attestati di stima, ma i complimenti preferirei riceverli lunedì, a gara conclusa…”.

Chiusura affidata a Brighenti, per una carrellata sugli atleti che domenica si daranno battaglia su un tracciato “veloce”, con condizioni meteo che potrebbero rivelarsi decisamente favorevoli.

Top runner

Parlare di top runner può apparire un controsenso, visti i minimi di ammissione (2h45’ per gli uomini e 3h15’ per le donne, oppure 1h11 per gli uomini e 1h20 per le donne in mezza maratona), di fatto top runner lo sono tutti.

Un po’ di nomi in ordine sparso.

Uomini: Francesco Bona, Jean Baptiste Simukeka (Ruanda), Rok Puhar (Slovenia), Alessandro Giacobazzi, Alessio Terrasi, Giovanni Grano, Xavier Chevrier, Aziz Lahbabi (Marocco), Onesphore Nzikwinkunda (Burundi), Olivier Irabaruta (Burundi), Simon Rugut Kipngetich (Uganda), Andrea Soffientini, Francesco Nardone, Gianfilippo Grillo, Michael Zagato, Domenico Ricatti, don Vincenzo Puccio, Stefano Scaini, Mattia Padovani, Matteo Lucchese, Marco Ercoli, Davide Poggi, Alessandro Spanu, Tommaso Manfredini, Simone Corsini, Christian Jocher, Antonio Irmici, Gianluca Quarta, Paolo Turroni, Andrea Bergianti, Matteo Vecchietti, Luca Cagnati, David Colgan, Riccardo Vanetti, William Talleri, Filippo Bovanini, Andrea Astolfi, Andrea Aragno, Loris Mandelli, Salvatore Gambino, Luigi Del Buono, Mohamed Hajjy (Marocco), Giacomo Esposito, Michele Belluschi, Tito Tiberti, Francesco Puppi.

Donne: Teresa Montrone, Catherine Bertone, Anna Incerti, Federica Proietti, Giovanna Epis, Eliana Patelli, Clementine Mukandanga (Ruanda), Elvanie Nimbona (Burundi), Elisabetta Iavarone, Luisa Gelmi, Doris Weissteiner, Laura Pieretti, Anna Zilio, Charlotta Fougberg (Svezia), Giulia Sommi, Denise Tappatà, Ilaria Bergaglio, Barbara Bani.


10/12/2020
Calendario Maratone 2021
Trento Half Marahon 2021
Le Recensioni di MarathonWorld.it