100km del Passatore

Un partecipante è stato sorpreso mentre percorreva alcuni tratti di gara in macchina per poi tagliare il traguardo

Episodio davvero spiacevole a margine della 100km del Passatore 2016 vinta trionfalmente da Giorgio Calcaterra e Nikolina Sustic. Come riportano infatti alcuni quotidiani online e molti testimoni che hanno raccontato la vicenda sui social network, un partecipante è stato sorpreso prendere un passaggio in macchina per poi tagliare a braccia alzate il traguardo....e lodarsi sul proprio profilo Facebook!

L'atleta della Napoli Nord Marathon, che da alcune ricerche sembrerebbe tesserato anche come giudice FIDAL provinciale, ha concluso in 12h28'38, un tempo strabiliante se si pensa che il solito runner aveva concluso (speriamo senza aiuti) in 2h10' la Mezza Maratona di Napoli di febbraio mentre poco più di un mese fa aveva corso in 5h17' la 42.195km . Sempre al Passatore l'atleta classe 1947 aveva concluso in 13h56' nel 2011 ed in 15h54' nel 2016.

ESCLUSIVA MARATHONWORLD: L'ATLETA BARO' ANCHE NEL 2015!

ECCO IL PROVVEDIMENTO PRESO DALLA SOCIETA' DI APPARTENENZA


Ciò che pare ancora più grottesco sono gli intermedi cronometrici: 6'28" al chilometro nei primi 31km, 14'44" nei successivi 16 per poi arrivare ad una media di 4'33" tra il 48mo ed il 65mo chilometro con il nono tempo parziale assoluto!!

Un partecipante, accortosi che il collega era appena sceso da una macchina, ha segnalato tutto ai giudici, testimonianza rafforzata da due spettatori, nei pressi di Borgo San Lorenzo. A quel punto il "testimone" ha intimato il truffaldino atleta di mostrare il numero di pettorale con quest'ultimo che ha cercato di svignarsela coprendo il numero.

“Siamo fortemente amareggiati da un atteggiamento che nulla ha a che vedere con i principi sani, etici e di rispetto di cui lo sport richiede. Il consiglio direttivo è già stato convocato con urgenza per definire i dovuti provvedimenti disciplinari , con una forte squalifica. Da presidente, con il consiglio direttivo e la squadra tutta, prendiamo le dovute distanze” ha scritto su Facebook il presidente della società dell'atleta.

EADV_ADSENSE