Treviso Marathon

Ventinove i “senatori” che saranno al via, per la 15^ volta, della Treviso Marathon: ecco i loro nomi

Quindici edizioni e non sentirle. La prima volta nel 2004, ma una prima volta sarà anche questa quindicesima, con un percorso tutto nuovo e partenza e arrivo a Treviso. Loro, c’erano allora e ci saranno anche domenica 25 marzo 2018. Sono i “senatori” della Treviso Marathon, coloro che hanno partecipato a tutte le edizioni, dimostrando un grande e sentito attaccamento alla maratona trevigiana. Sicuramente la prima, con partenza da Vittorio Veneto, è stata un’emozione grandissima. Come pure speciali sono state le edizioni con le tre partenze (Vittorio, Vidor e Ponte di Piave), nel 2008 e nel 2013. La 42,195 km di quest’anno, promette di non essere da meno.


Ventinove dei quarantadue maratoneti sempre al via delle 14 Treviso Marathon (2004 – 2017) risultano già iscritti per la corsa 2018. Si tratta di Nicola Andreose di Asolo TV), Giuliano Busato di Castelminio di Resana (TV), Luigi Guido Bottega di Sernaglia della Battaglia (TV), Marco Bucciol di Piavon di Oderzo (TV), Paolo Bianconi di Salizzole (VR), Sandro Bruscaglin di Piove di Sacco (PD), Giovanni Battista Corrocher di Santa Lucia di Piave (TV), Graziano Cecchetto di Mareno di Piave (TV), Massimo Coppo di Mestre (TV), Albino Dotto di Conegliano (TV), Daniele Drago di Peseggia (TV), Doris Antonio D’Incà di Trichiana (BL), Leonardo Di Turi di Montebelluna (TV), Fabio Faggin di Maserà (PD), Ermes Ferrigato di Meolo (VE), Claudio Michielan di Santa Maria di Sala (VE), Franco Mason di Noale (VE), Giuseppe Maniaci (UD), Renato Muraro di Treviso, Maurizio Pizzolato di Caldogno (VI), Mirco Piovesan di Casale sul Sile (TV), Silvano Premaor di Moriago della Battaglia (TV), Battista Rampoldi di Cirimido (CO), Abramo Salvestrin di Paese (TV), Michele Schiavon di Roncade (TV), Virginio Trentin di Treviso e Raffaele Zandonà di San Pietro di Gu (PD). Rappresentato anche il mondo femminile, con Edi Cadorin di Treviso e Sabrina Cincotto di Roncade (TV).


Grande la simpatia e l’affetto dimostrato dai tanti podisti e maratoneti trevigiani e veneti, da sempre vicini a questo evento, ma diversi anche coloro che arrivano dalle province e dalle regioni limitrofe. Uno degli aficionados della Treviso Marathon, Battista Rampoldi, arriva invece da più lontano, dalla Lombardia. Cinquantunenne di Cirimido, comune in provincia di Como, una volta scoperta la Marca Trevigiana grazie alla maratona non l’ha più abbandonata. Ogni anno infatti ritorna nel trevigiano per partecipare alla 42,195 km. “Mi sono innamorato di questa provincia, tra l’altro ne approfitto sempre, ad ogni edizione, per passare da un mio amico e per fare rifornimento di prosecco – ha commentato l’operaio appassionato di corsa – ormai la Treviso Marathon è diventata un appuntamento annuale fisso. Questo è un territorio bellissimo, la maratona è sempre stata all’avanguardia, con un’ottima organizzazione. Ho avuto, tra l’altro, la fortuna di fare diverse partenze, da Vittorio Veneto, da Vidor, da Conegliano e ora sono curioso di scoprire questo nuovo percorso”. Per anni ha corso con un amico, lui vestito da poliziotto e l’altro da carcerato. Di aneddoti da raccontare ne avrebbe tanti. “Come quella volta che, dopo il Ponte della Priula, abbiamo trovato nel piazzale di un capannone, una tavolata con una trentina di commensali – ha aggiunto – io e il mio compagno di avventura di quell’edizione non ci abbiamo pensato due volte e ne abbiamo approfittato. Dopo un risottino e un vinello, siamo ripartiti alla grande. Ho sempre in mente il calore e l’affetto della gente e la grandissima generosità dei volontari”.


01/02/2018
Calendario Maratone 2018
Il Calendario di MarathonWorld.it
I test di MarathonWorld.it
SportDaily.it