Hoka

Andiamo a scoprire le Hoka Clifton 9 GTX: uno dei modelli più apprezzati in fatto di daily trainer, si rinnova per i mesi più freddi

Foto di MarathonWorld.it


MarathonWorld.it ha provato le Hoka Clifton 9 GTX, un grande classico della casa statunitense rivisitato in versione "invernale".


Le Hoka Clifton 9 GTX sono tra gli articoli consigliati nel nostro speciale sui regali di natale per runners che trovate sul nostro sito.


Per scoprire al meglio tutti i dettagli della scarpa e vederla "in corsa", vi suggeriamo come sempre di guardare la videorecensione presente sul nostro canale YouTube e in questa pagina.





Foto di MarathonWorld.it


HOKA CLIFTON 9 GTX - LE CARATTERISTICHE


Prima di andare a scoprire tutte le differenze tra la versione tradizionale e questa GTX, ovvero Gore-Tex, una panoramica generale sulle caratteristiche: si tratta di uno dei modelli più apprezzati del marchio con sede in California, adatto principalmente alle corse di tutti i giorni, e quindi fondi che, come vedremo in seguito, non dovranno essere necessariamente lenti.


La tomaia, ma in generale tutte le parti in tela comprendenti quindi anche il collarino e la linguetta, sono realizzati in mesh di poliestere riciclato con diverse percentuali, mentre il drop si conferma di 5mm, frutto di un'altezza da terra di 32mm sul tallone e 27mm sulla punta.


Il peso è di 273 grammi, 25 grammi superiore alle Clifton 9 "modello base".


La scarpa appena uscita dalla confezione potrebbe apparire molto rigida, in realtà la spessa intersuola è realizzata con una schiuma EVA a compressione, e quindi sembrerà come di trovarsi di fronte a una gomma "soffiata": a fronte di uno strato apparentemente denso, prendendo in mano la scarpa si potrà apprezzare un peso notevolmente ridotto rispetto all'aspettativa visiva. Ma non è tutto, proprio la tecnologia dell'EVA a Compressione (che ne riduce peso e densità e ne massimizza l'ammortizzazione), farà si che sotto al peso del proprio corpo queste Clifton 9 GTX siano dotate anche di una buona flessibilità, anche in questo caso in contrasto con una prima opinione visiva che ci eravamo creati.


Tornando al comparto superiore, la natura protettiva e da daily trainer è confermata dalla corposa e rigida conchiglia posteriore che, a differenza di molti altri modelli, è ben rigida anche nella parte superiore. Lo spesso e morbido rivestimento interno darà però una sensazione di grande comodità.


Infine la struttura della scarpa, che come vedremo sarà a nostro parere il fulcro dell'intera resa in corsa: Hoka struttura queste Clifton 9 con un Metarocker, ovvero una struttura a barchetta, leggermente visibile sul tallone ma accentuata sulla punta




Foto di MarathonWorld.it

Foto di MarathonWorld.it

CLIFTON 9 vs CLIFTON 9 GTX


Il Tessuto Creel Jacquard, esteticamente molto gradevole sopratutto in questa versione all black, è rivestito dal materiale Gore-Tex, celebre azienda leader nell'impermeabilizzazione. Questo strato è denominato Invisibile Fit e, come dice il nome, a livello estetico non si avvertirà la sua presenza. 


Ovviamente, essendo una funzione che va a rendere la scarpa resistente all'acqua, al tatto, sia esternamente che internamente, si potrà apprezzare questa sorta di calotta di rivestimento che si differenzierà notevolmente dal tessuto normale. 


Il Gore-Tex, ovviamente, non vi permetterà di correre nell'acqua o immergere la scarpa restando asciutti, ma sarà estremamente efficace in tutte quelle uscite, soprattutto invernali e autunnali, dove si può incappare in pozze, umidità, terreno bagnato o pioggia; tutte situazioni nella quale il rivestimento Gore-Tex sarà un validissimo aiuto nel rimanere asciutti.


Il collarino di ingresso del piede è l'unica porzione che non riamane isolata dall'esterno, l'unica possibilità di bagnarsi è quindi quella di forte pioggia che penetri in prossimità della caviglia. Anche la Linguetta, tranne nell'ultimissima porzione, è un tutt'uno con la tomaia e quindi impermeabilizzata.


Lo strato Gore-Tex visibile a occhio nudo all'interno della scarpa, va inevitabilmente a far pagare qualcosa in termini di traspirabilità, ma, come già detto, essendo una scarpa che nasce e fa la differenza nelle stagioni più fredde, durante i nostri allenamenti non abbiamo rilevato nessun problema.


Il secondo dettaglio degno di nota sono tutte le stampe riflettenti: dal nome e dal logo Hoka, passando per la scritta Gore-Tex e altri particolari inserti che rendono la scarpa, come dice Hoka, "Catarifrangente a 360°".


Infine la suola, con altri 2 accorgimenti che hanno fatto la differenza in corsa: la suola è in Durabrasion Rubber, come nelle Clifton 9 tradizionali, già questo basterebbe per una presa ottimale. Ma nelle GTX sono stati dati dei particolari "tagli" ai tasselli che ne migliorano la presa e la trazione. E su terreno umido e bagnato la sensazione di sicurezza è davvero evidente.



LA PROVA IN CORSA


Complice anche la conformazione Metarocker e un battistrada piuttosto spesso in prossimità del tallone, soprattutto nei primi chilometri di rodaggio, l'appoggio potrà sembrare molto duro e violento..sensazione che andrà a svanire dopo le prime uscite.


La scarpa è una daily trainer pura, capace di ammortizzarvi e supportarvi per ritmi medio lenti e, soprattutto, per gli allenamenti più lunghi.


Ma c'è un però: la conformazione a barchetta, che come abbiamo giù ricordato è ben evidente in prossimità della punta, favorirà un appoggio a terra piuttosto rapido. La curvatura dell'avampiede vi porterà rapidamente dalla fase di appoggio/transizione a quella di spinta.


A nostro parere si tratta di una scarpa che, grazie a questa caratteristica, facilita a raggiungere e mantenere la cosiddetta velocità di crociera: essendo una schiuma decisamente molto piu ammortizzante che reattiva, non si potranno sviluppare ritmi troppo veloci ma si arriverà ben piu rapidamente a correre sul ritmo che ci eravamo preposti, ritmo che ricordando essere quelli da fondo lento o medio/lento.


Sin dai primi metri, la conformazione Metarocker vi porterà a "scappare via" con il passo, garantendo quindi da subito un riscontro cronometrico ottimale che spesso nei fondi fatica ad arrivare nei primissimi chilometri. Poi, la natura dell'intersuola, non vi consentirà ovviamente di strafare ma, essendo "costretti" a un appoggio abbastanza rapido, il ritmo rimarrà abbastanza vivace e costante.


E' quindi una scarpa adatta a praticamente tutte le tipologie di runners: il neofita e il runner che si allena in modo non strutturato, per capirci fa solo allenamenti di fondo, potrà beneficiare della massima protezione e della massima ammortizzazione non rinunciando anche a un briciolo di qualità. Il runner evoluto potrà invece fare di queste Hoka Clifton 9 la scarpa per gli allenamenti lunghi e lunghissimi dove non ci sono particolari pretese cronometriche.


Tra le Hoka Clifton 9, prezzo di listino 150€, e la versione Gore-Tex, 170€, un divario di 20€ ben speso soprattutto per tutti coloro che, macinando tanti chilometri sono soliti cambiare la calzatura più di una volta all'anno. Queste GTX, la prima versione invernale del catalogo Hoka, potrebbero essere la scelta più azzeccata per la preparazione nei mesi più freddi.