Maratona di Roma

Con 8862 arrivati Roma si conferma ancora una volta la maratona più partecipata d'Italia | FOTO

XXV Acea Maratona Internazionale corsa a lungo sotto la pioggia, con ottimi risultati cronometrici e di partecipazione complessiva, con oltre 26.000 runner tra la 42k e la Stracittadina di 5 chilometri.

Sono stati 8.883 i runner che hanno tagliato il traguardo di via del Fori Imperiali, inclusi i disabili, dato che conferma ancora una volta la maratona della Capitale quale evento agonistico di running più partecipato d'Italia. Gli uomini sono stati 7.099, le donne 1874. Gli italiani sono stati 6.299, gli stranieri 2.584.

La partenza è stata data dalla Sindaca di Roma Virginia Raggi insieme al Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega ai rapporti con il Parlamento e alla democrazia diretta Simone Valente, all'Assessore allo Sport, Politiche giovanili e Grandi eventi cittadini Daniele Frongia, al Segretario Generale FIDAL Fabio Pagliara, al Coordinatore Generale della maratona Fabio Martelli e l'olimpionico dei nuoto Gregorio Paltrinieri.

LEGGI ANCHE: LO SPECIALE MARATONA DI ROMA

LEGGI ANCHE: ISCRIVITI AI I NOSTRI SERVIZI GRATUITI SU WHATSAPP O NEWSLETTER

IL PODIO E GLI AZZURRI IN GARA

Tra le donne trionfa Megertu (2h22:52), al maschile successo per Heyi (2h08:37). Soufyane quarta, ritirato Meucci

L’aveva annunciata alla vigilia e l’impresa è riuscita. Alla XXV Acea Maratona Internazionale di Roma, corsa per lunghi tratti sotto la pioggia, è caduto il primato femminile dei 42,195 km della Capitale: il risultato di giornata lo ha firmato la 22enne etiope Alemu Megertu, che con 2h22:52 ha limato un secondo al record della manifestazione che resisteva dal 2008 (2h22:53 della russa Galina Bogomolova) e ha abbassato di oltre cinque minuti il personale sulla distanza. Megertu ha preceduto l’altra etiope, più esperta, Muluhabt Tsega, seconda in 2h26:41, e un’altra connazionale, Chaltu Negesse (2h30:45). Quarto posto per l’azzurra Laila Soufyane (Esercito) che è rientrata in maratona dopo due anni e mezzo con 2h34:54. La doppietta etiope è completa con il successo maschile di Tebalu Zawude Heyi, primo sul traguardo dei Fori Imperiali con 2h08:37 davanti agli altri due etiopi Tesfa Wokneth (2h09:17) e Yihunilign Adane (2h09:53). Daniele Meucci (Esercito) è stato costretto al ritiro per problemi fisici dopo aver percorso 33 chilometri, e il primo degli italiani al traguardo è stato di nuovo Ahmed Nasef (11°, Atletica Desio) per la terza edizione consecutiva (2h16:57).

CRONACA DELLA GARA

UOMINI - La pioggia disturba soprattutto la prima mezz’ora di gara. Ne escono passaggi al 5° km di 15:18, al 10° di 30:29 e al 15° di 46:07. Alla mezza (1h04:57 e una proiezione intorno alle due ore e dieci) resta insieme un drappello di una quindicina di uomini, con Daniele Meucci attento (1h05:04) e sempre sulla scia dei migliori, scortato dal compagno di club Najibe Salami che si ferma intorno al km 25. Ma non è la giornata che sperava il campione europeo di Zurigo 2014: perde contatto dal plotone dei favoriti al km 27, complice un problema di stomaco, quando gli altri, lì davanti, cominciano a fare sul serio. Il lavoro dell’ultimo pacer Mburugu finisce al km 32 ed è proprio a dieci chilometri dal termine che inizia il corpo a corpo tra i protagonisti. Si forma un gruppo di cinque etiopi: Heyi, Babo, Teshome, Adane e Wokneth. È al 36esimo chilometro che Heyi rompe gli indugi, in progressione saluta la concorrenza e si invola verso il traguardo. 

Il romano Giorgio Calcaterra, simbolo della maratona capitolina, ha chiuso al 112° posto in 3:14:30.

DONNE - Tutto come previsto: è gara a due tra le donne, con le favorite etiopi Tsega e Megertu che partono con decisione (33:45), alla mezza “girano” a 1h11.11, con una proiezione sotto il record femminile. Dopo il 35° chilometro la più giovane delle due, Alemu Megertu (fin qui un personale di 2h28:08 realizzato a Shanghai nello scorso novembre) cambia passo e resta sola al comando. Corsa rotonda ed efficace, per presentarsi ai Fori Imperiali in piena linea con il record, poi battuto di un secondo. L’azzurra Soufyane stringe i denti, passa alla mezza in 1h16:19 e chiude in 2h34:54 recuperando un paio di posizioni prima del km 40.

LE PAROLE DEI VINCITORI

Alemu Megertu“Il meteo non mi ha dato fastidio, devo ringraziare il mio manager per tutto quello che ha fatto per me. Ringrazio Dio: mi ha portato a vincere questa maratona, sono veramente fortunata. Ho spinto molto fino all’arrivo perché credevo nel record. Con il prize money comprerò una casa... e se avanza qualcosa anche un'automobile”.

Tebalu Zawude Heyi: “Sono felicissimo, non mi aspettavo di vincere. È stato difficile perché i sampietrini erano molto scivolosi per la pioggia. Volevo un crono da 2h07 però le condizioni meteo non sono state a mio favore. Vengo da Addis Abeba e ho due bambini, voglio dedicarmi tanto a loro”.

18.000 ALLA STRACITTADINA, LA FESTA PER TUTTI

Sono stati 18.000 i partecipanti della Stracittadina non competitiva (5 km) con partenza da piazza Venezia e arrivo al Circo Massimo. Il primo uomo arrivato è Juan Negreira, la prima donna è la portacolori dell’Athletica Vaticana Sara Carnicelli. 

RUNCORPORATE: TRA LE AZIENDE VINCE UNICREDIT

Alla Stracittadina hanno corso centinaia di dipendenti delle aziende partner dell'evento, contribuendo con la loro partecipazione al Progetto Charity, che ha visto l'adesione di oltre 100 associazioni non profit. A vincere la speciale classifica aziendale è stata Unicredit con 500 partecipanti, al secondo posto ACEA con 350, al terso Decathlon con 200.

ULTIMO SUL TRAGUARDO IL GIAPPONESE KIMOTO

L'ultimo runner a tagliare il traguardo della maratona è stato il 72enne giapponese Hisao Kimoto.

IN TV- L’Acea Maratona Internazionale di Roma sarà trasmessa oggi in differita su RaiSport alle 22.40 con telecronaca di Franco Bragagna.


07/04/2019
French Riviera Marathon


Trento Half Marathon
I test di MarathonWorld.it
SportDaily.it
Foto: FIDAL/Vannicelli