RomaOstia Half Marathon

Galen Rupp vince la RomaOstia 2018 sfiorando il record americano! al femminile sorpresa Haylu

E' Galen Rupp il vincitore della 44ma edizione della Romaostia Half Marathon andata in scena domenica 11 marzo 2018. Lo statunitense è autore di una prova fenomenale che lo vedrà tagliare il traguardo in 59'47" a soli 5" dal record americano corso del 2007 a Houston da Ryan Hall (59'43").

Gara tiratissima sin dai primi chilometri con parziali chilometrici sempre inferiori ai 2'45" per gran parte della gara. Intorno al 10mo chilometro il gruppo si screma notevolmente con Rupp, Kemei, Kangono e Kipsang che lasciano gli altri dopo in passaggio in 28'09". La svolta della gara avviene intorno al 13mo chilometro con la lepre Emmanuel Kipsang, che in realtà terminerà poi la gara in quarta piazza, che lascia andare il trio di testa: Kangogo è il primo a staccarsi con Kemei che prova ad attaccare e Rupp che, dopo una fase di stallo, riesce a rientrare e contrattaccare.

LA FOTOGALLERY COMPLETA

LEGGI ANCHE: LO SPECIALE ROMAOSTIA 2018

ISCRIVITI AI NOSTRI SERVIZI GRATUITI: WHATSAPP - NEWSLETTER



Galen, incitato dall'allenatore Alberto Salazar, riuscirà a lasciare sul posto l'avversario per avviarsi a tagliare in solitaria il traguardo di Ostia: per l'ottavo anno consecutivo il vincitore della 21.097km più partecipata d'Italia chiude sotto i 60' con Rupp che strappaerà il successo ad un atleta africano dopo un dominio che andava avanti dal 2002 (CLICCA QUI PER L'ALBO D'ORO). Il podio è completato da Moses Kemei (60'44") e Justus Kangogo (61'02"). Luca Parisi, 14mo in 68'00" è il primo italiano.


Gara tiratissima anche al femminile dove a lungo è un quartetto a fare l'andatura: Rebecca Chesir, Dida Dera, Hfatamenesh Haylu e Amane Beriso transitano al 10mo chilometro in 32'36". Poi a 5km dal termine la Chesir, favorita della viglia, perde terreno con le tre rimaste che si giocheranno il successo nell'ultimissimo tratto di gara.

Hfatamenesh Haylu è la prima ad attaccare, attacco che risulterà vincente in quanto sarà propiro l'etiope a tagliare per prima il traguardo abbattendo il suo primato personale e fermando il cronometro dopo 69'02". Dietro di lei un'altra etiope, ovvero Dida Dera (69'21") mentre sul finale crolla la Beriso che lascerà il terzo gradino del podio a Rebecca Chesir (71'04"). Rosalba Console è sesta in 1h13'45" seguita da Claudia Pinna (1h16'28").

I RISULTATI COMPLETI


11/03/2018
BoClassic 2019


Terni Half Marathon
I test di MarathonWorld.it
SportDaily.it
Foto: Organizzatori