Coppa Sant'Agata

Alessandro Brancato e Maria Grazia Bilello sono i vincitori della quarta edizione della Coppa Sant'Agata di Catania

Splende il sole allo stadio Angelo Massimo di Catania, che stamane ha accolto circa 600 atleti provenienti da ogni parte della Sicilia. L’occasione è la 4a Coppa Sant’Agata, manifestazione legata alle festività “agatine”, che ha arricchito la mini olimpiade che in questa settimana ha ulteriormente animato a Catania la festa di Sant’Agata, che già nelle prossime ore vivrà il suo momento più sentito e coinvolgente.

Organizzato dalla Fortitudo Catania, sotto l’egida della Fidal e con il patrocinio del Comune di Catania – Assessorato allo Sport, del Comitato per la Festa di Sant’Agata e del CONI, la 4a Coppa Sant’Agata ha di fatto aperto il 25° Grand Prix Sicilia di corsa su strada. Prologo di manifestazione con l’esibizione di tre atleti in handbike; quattro i giri attorno al Cibali con capo fila il monrealese Salvo Campanella.

Dieci i chilometri, di un percorso studiato tutto attorno alla struttura del “Cibali”, con partenza e arrivo al suo interno. Giri ridotti invece per donne over 60 e gli  uomini sopra i 75 anni.  A vincere sono stati Alessandro Brancato (Parco Alpi Apuane) e Maria Grazia Bilello (Universitas Palermo).

Lo svolgersi della gara ha però raccontato una storia con un epilogo amaro per tanti atleti. Conclusi i sei giri infatti sono stati non pochi quelli a non aver capito o ricordato che prima del traguardo bisognava compiere un giro di anello completo. Quattrocento metri fatali anche per la battistrada Chiara Immesi fermatasi a 9600 metri con gara compromessa. L’atleta Universitas ripartita, dopo un paio di minuti, ha concluso lo stesso la gara perdendo ben tre posizioni. Il successo così è andato a Maria Grazia Bilello, alle sue spalle le agguerrite gemelle Vassallo, Barbara e Francesca. Tutti coloro invece che non hanno effettuato i 400 metri finali sono incappati nella squalifica, e dunque non classificati.   

Tutto normale, almeno per le prime posizioni tra gli uomini, con Brancato subito schizzato alla partenza e diventato imprendibile per gli avversari. Un passo diverso fra l’atleta che vanta un personale in maratona di 2h17’59 e gli avversari. Così la battaglia è stata tutta per il resto del podio con Luigi Spinali (vincitore delle ultime tre edizioni della Coppa Sant’Agata), che allo sprint ha battuto Antonino Liuzzo.

Un imprevisto che è diventato un rompicapo per tutti, organizzatori e giudici compresi. La scelta è stata quella di premiare per la Coppa Sant’Agata tutti coloro che hanno concluso regolarmente i 10.000 metri.

Discorso diverso per quanto riguarda il Grand Prix Sicilia, manifestazione che, oltre all’agonismo, punta alla promozione del podismo; già nelle prossime ore gli organizzatori troveranno un escamotage per non penalizzare nessuno, soprattutto coloro che non hanno concluso la gara di Catania.

Facile pensare che potrebbero rientrare tutti a punti magari con classifica “ferma” sui 9600 metri, distanza percorsa dalla totalità degli atleti. 

Nel pomeriggio la cerimonia di premiazione dei podi assoluti si è svolta presso l’Aula Magna del Palazzo della Cultura, insieme a tutte le federazioni sportive che hanno preso parte alla settimana sportiva promossa dal CONI nell’ambito dei festeggiamenti in onore di Sant’Agata, patrona di Catania.

Il Grand Prix Sicilia invece ritorna il 17 febbraio con il cross di Piazza Armerina.


03/02/2019
Maratonina Cernusco Lombardone


Il Calendario di MarathonWorld.it
I test di MarathonWorld.it
SportDaily.it
Foto: Organizzatori