Veronamarathon

Tanti stranieri al via, un questionario statistico ne studierà comportamenti e costumi. Importanti misure di sicurezza

E’ la splendida e storica Sala Arazzi del Comune di Verona ad aver ospitato questa mattina la presentazione ufficiale e Istituzionale della 16a Agsm Veronamarathon, gara podistica competitiva che si correrà questa domenica 19 novembre con partenza fissata da corso di Porta Nuova alle ore 9.  Evento organizzato da Asd Gaac 2007 e Veronamarathon Eventi Srl insieme al Comune di Verona che prevede ben tre distanze di gare: la maratona da 42,195km gara internazionale Iaaf e Aims e e poi la Cangrande Half Marathon da 21,097km e la Last 10km benefica, competitiva e ludico motoria. Il sabato mattina 18 novembre il prologo con i ragazzini delle scuole con la Corribra.

ESTERO - Agsm Veronamarathon che sarà visibile in tutto il mondo grazie alla trasmissione in streaming in diretta domenica mattina, in tre ore le bellezze artistiche e non solo di Verona verranno messe in risalto, uno splendido spot che servirà alla città ma anche alla gara anche per gli anni futuri. Ed è grazie a questo tipo di iniziative e attività promozionali degli anni passati che in questa edizione 2017 si stanno raggiungendo numeri di partecipanti in forte crescita rispetto al passato. “Al via domenica mattina sulle tre distanze ci si attendono non meno di 10mila presenze suddivise sulle tre distanze – fa sapere Matteo Bortolaso, Vicepresidente di Veronamarathon Eventi -  Solo sulla maratona da 42km ad oggi, con le iscrizioni ancora aperte e possibili, ci sono oltre 3300 iscritti, alla Cangrande Half Marathon superati i 3100 registrati, mentre il resto parteciperà alla Last 10. In netta crescita la presenza dei runner stranieri, più di 1100 il totale ad oggi, con una percentuale del 17% circa sulla 42km e addirittura del 20% sulla distanza da 21km. La Nazione più rappresentata è la Croazia con 218 atleti, segue  l’Inghilterra con 150 presenze, a seguire la Germania con 141 ed in seguito Austria, Svizzera e Francia. Nota rilevante, gli inglesi nel 2016 furono 27, i tedeschi, prima nazione, poco più di 100. Curioso vedere che gli stranieri hanno superato il numero di veronesi in gara che comunque sono sempre numerosi e li ringraziamo fin da ora della vicinanza e presenza alla maratona della loro città”.

QUESTIONARIO – Proprio per approfondire ancor più il successo della Maratona di Verona con i partecipanti esteri, tra gli organizzatori e l’Ufficio Statistica del Comune di Verona è stato formalizzato un questionario in 4 lingue che misurerà il grado di soddisfazione ed approfondirà i comportamenti degli iscritti alla gara durante la permanenza nella città scaligera. Il questionario verrà inviato pertanto a tutti in modalità online - via mail nei giorni successivi alla gara. Una raccolta di dati ufficiale che costituirà una importante base di lavoro per il futuro.

“E’ un evento che dà grande lustro all’estero  della città di Verona, tanti sono gli appassionati runner che verranno a correre da tutta Europa e non solo – ha detto l’Assessore allo Sport del Comune di Verona Filippo Rando  - Comune di Verona che è ben lieto di sostenere Agsm Veronamarathon, ringrazio fin da ora gli organizzatori, le forze dell’Ordine e i tanti volontari che domenica saranno sulle nostre strade così come faccio un enorme in bocca al lupo a tutti i partecipanti visto che la gara sarà anche valida per il Campionato Italiano”.

“Non è per nulla strano che un assessorato al Turismo e alla Cultura sia vicina ad un evento sportivo, ma l’Agsm Veronamarathon è qualcosa di speciale e il percorso patrocinato dall’Unesco è l’emblema di questa vicinanza – sono le parole usate da Francesca Briani, Assessore al Turismo e Cultura  -. Vengono valorizzate le nostre bellezze artistiche e architettoniche, inoltre con la diretta streaming il tutto non è limitato ai 10mila presenti, bensì a tutti coloro che ci potranno seguire con una semplice connessione internet. Lunga vita a questa maratona”.

Per la prima volta ai ‘microfoni’ della Maratona di Verona il Presidente di Agsm Michele Croce: “E’ un evento di carattere internazionale, Agsm ha interesse a promuovere eventi di questo tipo perché il nostro piano è di carattere nazionale. Lo sfondo benefico-solidale della Last 10 con 14 Organizzazioni No Profit è fondamentale per il nostro rapporto e ci rende felice di sostenere questa competizione. Da ora in poi sosterremo sempre e solo eventi solidali veri”.

PIANO SICUREZZA - Con tre percorsi diversi, la città di Verona non sarà facile da presidiare, importante l’intervento di Luigi Altamura, Comandante della Polizia Municipale: “Sono tre mesi che i miei colleghi stanno lavorando al meglio per questa domenica per presidiare al meglio il pecorso. Stiamo vivendo allerte terrorismo e per ragioni e misure di sicurezza come richiesto dal Prefetto e dal Questore di Verona nel momento del massimo afflusso e ‘ammassamento’, ovvero in partenza, verranno posizionati per la prima volta dei  camion non per creare allarme ma per tutelare e dare sicurezza ai partecipanti e a tutti i loro familiari. Sono oltre 70 gli Agenti della Polizia Municipale in campo domenica mattina e desidero ringraziarli per la loro professionalità. Ringrazio inoltre gli organizzatori perché oltre che a predisporre l’analisi con la sicurezza per l’antiterrorismo, per la prima volta hanno fatto un vedemecum ‘piano di gestione delle emergenze’ in seguito al Decreto Gabrielli per i gravi fatti tragici di piazza San Carlo a Torino”.

SARA SIMEONI - Per quanto riguarda la Fidal è intervenuta la campionessa Sara Simeoni oggi Vicepresidente del Comitato Regionale Lombardo: “Sapere che le maratona di Verona cresce ed è sempre più importante fa solo piacere. Noi che veniamo dallo sport sappiano che una competizione non si limita al campo ma crea un indotto che tocca tutta la comunità. Questa Maratona con il suo contributo sostiene i giovani che fanno sport. Coinvolgere i ragazzi e le loro famiglie è fondamentale per allargare la base di chi fa sport e fa atletica”.

Tante le iniziative messe in campo dal comitato organizzatore per quest’anno. Queste le principali:

AGSM TITLE SPONSOR - VERONA – Agsm ha scelto di essere title sponsor della sedicesima edizione della Verona Marathon così da avere una presenza di massimo rilievo nell’importante evento sportivo. Agsm Verona Marathon sarà affiancata dalla ‘Cangrande Half Marathon Verona,’ alla sua quarta edizione e dalla corsa non competitiva ‘Last 10 km’, che ha l’obiettivo di dare sostegno alle Onlus locali per numerosi progetti di solidarietà. Il Gruppo Agsm desidera condividere con tutti i partecipanti l’energia e le emozioni di questo evento dedicato allo sport, alla socialità e alla promozione di uno stile di vita più sano.

JOMA NUOVO SPONSOR TECNICO - “Il legame con il mondo dell’atletica leggera, la crescita degli eventi in tutto il mondo, l’incremento esponenziale dei praticanti e il dna di Joma, tra i brand di riferimento a livello mondiale sia per il tessile che per le calzature, è alla base della scelta di Joma di aumentare gli investimenti in questo specifico ambito – ha affermato Mikro Annibale, responsabile della filiale Italia di Joma Sport –. Da questo e dal prestigio che può rappresentare per Joma essere a fianco di eventi importanti e prestigiosi come la Maratona di Verona, Cangrande half Marathon, Last10 km, Giulietta e Romeo Half e DUO marathon, nasce la partnership che vedrà Joma e Verona Marathon insieme fino al 2020. Tale accordo contribuirà certamente a perfezionare il percorso di crescita e affermazione di Joma come marchio tecnico nel mondo running”.

ACQUE VERONESI - “Anche quest’anno grazie ad Acque Veronesi si berrà l’acqua del Sindaco. Un modo per rispettare il più possibile l’ambiente e per venire incontro alle esigenze dei numerosi atleti e spettatori. Sarà infatti erogata l’acqua a chilometri zero. La società predisporrà appositi allacci alla rete idrica cittadina che consentiranno a tutti i partecipanti di dissetarsi, senza dover ricorrere all’uso di acqua in bottiglia”

MARATONA UNESCO - E’ ufficiale, la Maratona di Verona dallo scorso 30 Agosto ha il Patrocinio Unesco.

Dal 30 novembre 2000 La Città di Verona fa parte del Patrimonio mondiale UNESCO, questa la
dichiarazione di valore e motivazione: “La XXIV  Assemblea Plenaria del World Heritage Committee (W.H.C.) iscrive Verona nella World Heritage List ( W.H.L) con la denominazione “City of Verona” (Città di Verona) e la seguente motivazione:

“La storica città di Verona, fondata nel I secolo a.C., ha conosciuto periodi d’espansione nel XIII e XIV secolo sotto il dominio della famiglia degli Scaligeri e dal XV al XVII secolo sotto la Repubblica di Venezia. Costituisce, inoltre, un eccezionale esempio di piazzaforte. Verona ha conservato un notevole numero di monumenti antichi, di epoca medioevale e del Rinascimento. E’ una città di cultura e di arte”.

Il 30 agosto 2017 la Commissione Nazionale italiana per l’UNESCO ha deciso di concedere il proprio patrocinio alla Maratona di Verona, considerando che essa si corre nel centro storico della città, iscritta nella lista del Patrimonio Mondiale dell’Unesco.

Tenendo presente che anche le città di Ferrara, Siracusa, Roma, Venezia, Palermo, Aquileia, e Firenze sono nella lista del Patrimonio Mondiale e hanno le loro maratone, è nostro auspicio in futuro un network ideale di maratone UNESCO in Italia   per valorizzare ulteriormente il nostro patrimonio dei centri storici, mettendo in risalto la loro fruibilità anche a livello sportivo.

Si tratta di un modo per sottolineare i legami tra sport, arte e cultura, tre elementi che contribuiscono ad una vita sana e di qualità che si riflette positivamente non solo a livello individuale ma anche sul piano sociale. Si tratta inoltre di un modo per diffondere  un’idea di turismo sostenibile che si basa su ritmi di fruizione più in sintonia con il corpo e la mente.

La descrizione del percorso, tradizionale strumento di consultazione del partecipante all'evento ed anche dei suoi accompagnatori, non può in questa edizione non tener conto del prestigioso riconoscimento ricevuto.

I punti di contatto tra Verona Patrimonio Mondiale ed il percorso di Veronamarathon sono ascrivibili ad alcune direttrici:

  • Le mura fortificate con le monumentali porte che le costellano, di epoca romana, medievale e cinquecentesca;
  • L’Adige, secondo fiume italiano per lunghezza, elemento naturalistico di straordinaria bellezza e costeggiato da viali alberati;
  • I ponti, attraversati ben sette volte, risalenti a tutto l'arco temporale della storia della Città di Verona.

Non è qui il caso di citare gli innumerevoli edifici e monumenti, religiosi e laici, pubblici e privati, che fanno da muti spettatori allo sforzo dei podisti: la loro storia e quella dei tesori d’arte contenuti in molti di essi è oggetto di numerose pubblicazioni. La guida essenziale, redatta dal Comune di Verona, è reperibile online al sito https://intranet.comune.verona.it/nqcontent.cfm?a_id=16376

LA MEDAGLIA – Come sempre insieme allo Studio d’Architettura Aurelio Clementi che ne studia l’idea, il progetto e la realizzazione, si cerca da anni di realizzare un oggetto che possa essere oltre ad un riconoscimento per la fatica e la bravura nel correre anche un ricordo della città da portare a casa. Pertanto si cerca sempre di mettere in luce i punti caratteristici di Verona e in questa occasione l’attenzione si è riversata sulla Basilica di San Zeno, uno dei simboli storici della città scaligera. Qui di seguito una descrizione che aiuterà a capirne meglio l’importanza della Basilica e dunque il perché della scelta da parte di Agsm Veronamarathon. “Principale capolavoro del romanico in Italia, la basilica di San Zeno è uno degli edifici più importanti della città. E' dedicata all'ottavo vescovo di Verona, un santo di origine africana a cui si attribuiscono numerosi miracoli e la conversione al cristianesimo delle popolazioni venete. Il nucleo originario della Basilica di San Zeno risale al IV secolo, quando una piccola chiesa fu eretta vicino al luogo di sepoltura del Santo.

LAST 10 - E’ l’evento nell’evento, quello dalla distanza più corta ma dai numeri di partecipazione più alti, quello dove forse serve meno allenamento ma l’esserci in partenza e partecipare è importante e fondamentale non solo per sé stessi ma anche per tutte le persone che beneficiano dei proventi che arrivano alle varie Organizzazioni No Profit che aderiscono al progetto. Insomma, la Last 10 Veronarathon non è solo una gara da 10km collaterale alla Veronamarathon, Last 10km è un evento podistico di solidarietà che è parte integrante e fondamentale della Veronamarathon.

LA SOLIDARIETA’ - Lo spirito solidaristico è dato dalla particolarità dell’iscrizione che richiede di scegliere uno tra i progetti proposti dalle numerose Organizzazioni No Profit aderenti, al fine di destinare allo stesso una parte importante della propria quota di iscrizione.

La novità dell’edizione 2017 è data dalla LAST10 COMPETITIVA, che darà la possibilità di correre contro il cronometro a chi vorrà aggiungere alla manifestazione solidale anche una prestazione agonistica. La scelta è al momento dell’iscrizione.  Fondamentale ricordare che anche  partecipanti alle due manifestazioni competitive, la 16a VERONAMARATHON e la 4a CANGRANDE HALF MARATHON, avranno la possibilità di sostenere i progetti proposti dalle ONP che hanno aderito al progetto LAST10 2017, scegliendo – all’atto dell’iscrizione – se effettuare la normale iscrizione o aggiungere la sottoscrizione ad uno dei progetti solidali proposti.

PERCHE’ PARTECIPARE? Tre i principali motivi per partecipare alla Last 10km Marathon: si percorrono alcuni chilometri del percorso della maratona competitiva, di fronte al pubblico dei sostenitori, la partenza e l’arrivo sono in Piazza Bra ed è possibile sostenere i progetti solidali delle Organizzazioni No Profit locali e nazionali che hanno aderito all’evento.

TELENUOVO - Grazie ad un nuovo rapporto di partnership, LAST 10 VERONAMARATHON sarà presentata sulle frequenze televisive di TELENUOVO in sette appuntamenti nei prossimi mercoledì a partire da mercoledì 4 ottobre alle 18.10 con replica al sabato alle 14.40 nella trasmissione ‘Focus Verona’ programma condotto da Laura Peloso che precede la prima edizione del telegiornale serale.

Segui le puntate e avrai così ogni informazione sulla gara solidale LAST 10, sui progetti  delle Organizzazioni No Profit che partecipano e su tutto il mondo Veronamarathon.

Nella prima puntata sarà presente il Sindaco di Verona Federico Sboarina, il Presidente di Veronamarathon Dario Bergamini ed i rappresentanti di Save the Children e di Emergency che racconteranno il progetto che sostengono anche grazie alla collaborazione  con la LAST10.

Veronamarathon ha scelto Telenuovo perché è da 38 anni la televisione leader in Veneto, la potenza della rete è il forte radicamento nel territorio che si traduce in numerose autoproduzioni al servizio dei cittadini gestite per la maggior parte in diretta in modo tale da far partecipare direttamente i telespettatori tramite telefonate, sms, e-mail e social network.

CORRIBRA - Si terrà sabato 18 novembre 2017 la diciannovesima edizione della Corri Bra 2017, l'ormai classico evento podistico rivolto agli studenti delle scuole secondarie di primo grado, da quest'anno aperta anche alle classi quinte della scuola primaria. E così, anche per quest'anno il Salotto di Verona accoglierà le centinaia e centinaia di bambini che, in squadre di almeno tredici membri, si ritroveranno alle ore 9:00 nei pressi del loggiato della Gran Guardia ed all'ombra della famosa Arena di Verona per prendere parte alla gara che si svilupperà su un percorso complessivo di 800 metri. Dedicata quest'anno al professor Tiziano Cordioli, per molti anni coordinatore di Educazione Fisica al Provveditorato agli Studi e dell'Ufficio scolastico federale venuto a mancare quest'estate all'età di settantuno anni, la Corri Bra 2017, che è stata organizzata da Verona Marathon con il sostegno di AGSM, si è prefissata l'obiettivo di raggiungere ben 1000 piccoli partecipanti. La corsa, come da tradizione, precederà la AGSM Verona Marathon, la Cangrande Half Marathon e la Last 10km, che si disputeranno nella giornata successiva domenica 19 novembre.

HAPPY HOUR - E’ davvero tanta ma mai troppa la voglia di correre dei veronesi. E così Agsm Veronamarathon domenica 29 ottobre in occasione dell’ultimo appuntamento di questo 2017 con gli Happy Hour Veronamarathon hanno pensato bene di fare le cose in grande stile. Insieme ai negozi Decathlon di San Giovanni Lupatoto e Villafranca hanno organizzato un allenamento collettivo a tre settimane dalla maratona e la risposta degli appassionati è stata grandiosa con oltre 1000 partecipanti. Un importante momento di attività fisica ma soprattutto di divertimento, unione e condivisione.

Luogo di partenza e arrivo è stato Corte Molon, ritrovo ore 8.30 e partenza fissata alle ore 9, si è corso con i ragazzi istruttori del Veronamarathon Team, ma anche insieme ai pacer della Agsm Veronamarathon che hanno dettato il ritmo. L’incontro ‘di corsa’ è dedicato al divertimento e al benessere dei veronesi ma non solo, aperti a tutti, uomini e donne con qualsiasi tipo e livello di allenamento, da chi solo cammina fino all’agonista, senza limiti di età, dagli zero ai cent’anni, dal passeggino fino a chi già corre abitualmente. Fino in fondo rimane così la filosofia dei nostri ‘Happy Hour’, allenamenti collettivi dove negli incontri serali precedenti hanno partecipato sempre oltre duecento persone. Niente agonismo, ma solo voglia di divertimento, socialità, benessere. Neofiti, runner di ogni tipo, camminatori, uomini e donne, lenti o veloci, tutti sono invitati a partecipare. Sarà anche il modo per trovare nuovi amici ‘di corsa’ oltre ad avere consigli tecnici.

NASCERA’ UN MARATONETA - Quest'anno a prender parte all'evento podistico scaligero ci saranno anche quattro neo atleti che, il 19 novembre, sfideranno se stessi nella 42k o nella 21k: sono la squadra del progetto “Sarà un Maratoneta”, voluto e sostenuto dal Veronamarathon Team, che porterà questi ragazzi a seguire un lungo percorso di allenamento, seguiti dal coach Ilaria Benetti, che li trasformerà in maratoneti.

Finalità del progetto ideato da Veronamarathon è dimostrare attraverso queste persone che tutti, dal sedentario alla madre di famiglia, possono diventare runner e maratoneti. Dimostrare che è più semplice e meno rischioso raggiungere il benessere e la forma fisica attraverso un piano graduale e professionale di allenamento come sarà quello gestito da Ilaria Benetti. Ancora Veronamarathon infatti metterà a disposizione dei sette protagonisti un medico sportivo ed un nutrizionista così che possano avere assistenza completa in questi mesi.

Fondamentale dire che ‘Sarà un Maratoneta’ è un progetto dedicato a tutti, non solo ai sette protagonisti presentati qui sotto. Sarà un Maratoneta vuole essere una guida e un esempio per chi oggi vive solo sul divano e non corre ancora o corre solo saltuariamente e chissà magari seguendo e leggendo di questi ragazzi ci vorrà provare.

Ogni settimana sui social della Veronamarathon o sulla pagina dedicata del sito www.veronamarathon.it saranno pubblicati i diari dei loro allenamenti, ma anche i loro pensieri, le loro speranze, i dubbi o le paure, ma anche l’entusiasmo, i progressi e la voglia di sfidare se stessi. Il progetto ‘Sarà un Maratoneta’ avrà davvero raggiunto la sua finalità se porterà al traguardo di una delle tre gare della Veronamarathon non solo i ‘Magnifici Sette’ come amiamo definirli, ma qualsiasi altra persona che oggi magari corre poco o nulla.

I PROTAGONISTI - Di seguito i ‘Magnifici quattro’ che domenica 19 novembre 2017 si metteranno alla prova per tentare di realizzare il proprio sogno.

Adriano Chiminazzo (Il Sedentario) - Veronese trentanovenne, Adry è un libero professionista che, dopo quattro anni da sedentario, ha deciso di rimettersi in forma e di sfidarsi per sentirsi vivo! Intenzionato a portare a termine la sua prima Maratona, oggi si allena almeno tre volte alla settimana.

Michela Conti (La Tigre) - Trentaduenne bancaria di Pastrengo, località sul Lago di Garda, Michela detta ‘la Tigre’ corre ormai da cinque anni. Pur allenandosi tre volte alla settimana ed avendo partecipato a tre Mezze Maratone, ora ha deciso di mettere nel mirino una 42k da preparare però con professionalità.

Eros Cason (Il recidivo): Quarantaduenne veronese, Eros non correva da circa quattordici anni. Spinto da un amico ha quindi deciso di provare a rimettersi in forma seguendo il progetto di Veronamarathon: interessato solo ad arrivare alla fine della gara, Eros parteciperà alla Cangrande Half Marathon.

Maria Margherita Zamboni (La Fisioterapista) -  fisioterapista quarantenne, Marghe con gli 'anta' ha deciso di volersi rimettere in forma, anche per avvicinare i propri figli al mondo dello sport, per fargli comprendere il senso del sacrificio e della fatica, necessari per conseguire qualunque obiettivo.


14/11/2017
Running News 24h


Il Calendario di MarathonWorld.it
I test di MarathonWorld.it
Offerta del giorno
Immagine MarathonWorld.it

MarathonWorld - Diventa nostro Fan